(senza titolo) - Alberto Pellegatta

Girandole di gas nel vuoto concavo
che ci contiene tutti. Non c'è nessun centro e l'orlo
si cuce su se stesso. Il tempo è spazio che si espande.
Il tempo è fame e lo spazio è freddo. Abiterò
infrastrutture luminose.
Saremo più lontani, i mondi dai mondi, infiniti.
E farà più freddo, fino a riassorbirsi dentro a un buco.
Oppure si riconcentrerà fino a riaccendersi.

Ma adesso, l'attimo presente, è la capitale del Tempo.


(da Nuovissima poesia italiana, Mondatori 2004)

ascolta la poesia

(Pubblicato il 04/02/2007; plink; altre informazioni su Alberto Pellegatta)


Il PoDcast di PoEcast v1.0 - 20070218 - Vincenzo Della Mea, http://www.dellamea.it (basato su MagPieRSS)