2. (28/10/06; 22.41) - Andrea Inglese

È passato molto tempo, da allora è passato, da quando molto altro, molto prima, ne passò, del tempo, lo stesso, troppo, ma diverso, alla finestra, o sui pavimenti, e si aggiunsero, di continuo, il tempo passato di prima, quasi più lento, con quello passato, dopo, ricordando che passa, e pioggia, dietro la finestra, che si sposta, passando dentro e fuori, spostando, da allora, da quel medesimo, cosa? giorno, gesto, attimo, mai all'opposto, che fosse invece all'indietro, risalendo, o fermando tutto, seduto su una sedia, e basta, nessuno che si allontani o si avvicini, e silenzio, serrando tutti i suoni, persino i colori, una sola calma, ma già c'è stato, c'è stato anche quello, passando via, da allora, come un altro, come un'altra volta, come un fesso, a passare, da allora, è sempre così che passa, da fessi.



Testi di Andrea Inglese da Le circostanze della frase (2007). Musica di Stefano Delle Monache - Volumi.

ascolta la poesia

(Pubblicato il 01/04/2007; plink; altre informazioni su Andrea Inglese)


Il PoDcast di PoEcast v1.0 - 20070218 - Vincenzo Della Mea, http://www.dellamea.it (basato su MagPieRSS)